ORDINANZA SINDACALE N. 22 DEL 03-04-202 COMUNE DI BRINDISI

IL SINDACO

Visti:

il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione

dell’emergenza epidemiologica da COVID-19» e in particolare l’art. 3, comma 1;

il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell’11 marzo 2020, recante ulteriori «Misure

urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale»;

l’ordinanza del Ministro della salute 25 gennaio 2020, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della

Repubblica italiana – Serie generale – n. 21 del 27 gennaio 2020;

il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 23 febbraio 2020, recante «Disposizioni attuative

del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e

gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della

Repubblica italiana 23 febbraio 2020, n. 45, che individua misure di contenimento della diffusione del

nuovo coronavirus nei comuni interessati dal contagio;

l’ordinanza del Ministro della salute 30 gennaio 2020, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della

Repubblica italiana – Serie generale – n. 26 del 1° febbraio 2020;

l’ordinanza del Ministro della salute 21 febbraio 2020, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della

Repubblica italiana – Serie generale – n. 44 del 22 febbraio 2020;

il DPCM dell’8 marzo 2020 che, allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID- 19

nella regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini,

Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e

Venezia, all’art. 1 dispone d i “evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai

territori di cui al presente articolo, nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli

spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti

per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza” , sino al

3 aprile 2020;

le Ordinanze del Presidente della Regione Puglia N. 175 e 176 dell’8 marzo 2020 ore 2,31 e ore 11,30,

con le quali sono state adottate ulteriori misure di contrasto e contenimento del diffondersi del virus

COVID-19 sul territorio regionale, ai sensi dell’art.32 della Legge 23 dicembre 1978 n.833 in materia di

igiene e sanità pubblica, con particolare riferimento alle persone fisiche che, dalla regione Lombardia

e dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria,

Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia, hanno fatto ingresso in

Puglia, per rientrare e soggiornare nel proprio domicilio, abitazione o residenza;

CONSIDERATO

che il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020, all’art. 1 (Misure urgenti di

contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale) stabilisce che le misure di cui all’art. 1 del

decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020 sono estese all’intero territorio

nazionale e che, pertanto, dispone di evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in

uscita dai territori nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da

comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute, consentendo il rientro

presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;

il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 aprile 2020, che ha prorogato fino al 13

aprile 2020 l’efficacia delle disposizioni dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri dell’8, 9,

11 e 22 marzo 2020, nonché’ di quelle previste dall’ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo

2020 e dall’ordinanza del 28 marzo 2020 adottata dal Ministro della salute di concerto con il

Ministro delle infrastrutture e dei trasporti ancora efficaci alla data del 3 aprile 2020;

il rapido evolversi della situazione epidemiologica, del carattere particolarmente diffusivo

dell’epidemia e dell’incremento dei casi sia sul territorio regionale;

che, ad integrazione di quanto disposto con le ordinanze 175 e 176. dell’8 marzo 2020, è necessario

assumere immediatamente ogni ulteriore misura di contrasto e di contenimento sul territorio

regionale del diffondersi del virus COVID-19 ai sensi dell’art.32 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833

in materia di igiene e sanità, estendendo gli effetti di tali ordinanze a tutti gli individui provenienti

dall’estero o dai territori di tutte le altre regioni, che fanno ingresso in Puglia al fine di rientrare e

soggiornare continuativamente in Puglia, nel proprio domicilio, abitazione o residenza;

ed inoltre, considerati:

l’Ordinanza Regionale n.182 del 14.03.2020 avente ad oggetto le “Misure per il contrasto e il

contenimento sul territorio regionale del diffondersi del virus COVID-19 ai sensi dell’art.32 della Legge

23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica”;

il rapporto ISS COVID-19 n.3/2020 “Indicazioni ad interim per la gestione dei rifiuti urbani in relazione

alla trasmissione dell’infezione da virus SARS-COV-2 del 14.03.2020;

le note del Dipartimento Mobilità, Qualità Urbana, Opere Pubbliche, Ecologia e Paesaggio della

Regione Puglia, AOO_009-20/03/2020/2571 e successiva prot. AOO_009-21/03/2020/2576)

la nota della Prefettura- Ufficio Territoriale del Governo di Brindisi p_br – 0008538 del 23/03/2020,

riscontrata dall’amministrazione comunale con nota Prot. n. 0029948 del 23-03-2020 ;

Per tutto quanto visto e considerato,

ORDINA

Con effetto immediato e sino al 13 aprile 2020:

che nelle abitazioni in cui soggiornano soggetti positivi al tampone, in isolamento o in quarantena

obbligatoria, sia interrotta la raccolta differenziata, ove in essere, e che tutti i rifiuti domestici,

indipendentemente dalla loro natura e includendo fazzoletti, rotoli di carta, teli monouso, mascherine

e guanti, siano considerati indifferenziati e pertanto raccolti e conferiti insieme.

che per la raccolta, nelle predette abitazioni, si applichino pertanto le seguenti disposizioni:

non differenziare  i rifiuti;

 indossare guanti monouso per chiudere bene i sacchetti senza schiacciarli con le mani

utilizzando dei lacci di chiusura o nastro adesivo;

 utilizzare almeno due sacchetti, uno dentro l’altro o in numero maggiore in dipendenza della

loro resistenza meccanica, all’interno del cestino per la raccolta indifferenziata possibilmente

utilizzando un contenitore a pedale;

 gettare tutti i rifiuti (plastica vetro, carta, umido, metallo e indifferenziata) nello stesso

contenitore utilizzato per la raccolta indifferenziata;

 una volta chiusi i sacchetti, gettare i guanti nei nuovi sacchetti preparati per la raccolta

indifferenziata (almeno due, uno dentro l’altro) e subito dopo lavare le mani;

 Non schiacciare e comprimere i sacchi con le mani;

 Evitare l’accesso di animali da compagnia ai locali dove sono presenti i sacchetti di rifiuti;

 Smaltire il rifiuto dalla propria abitazione quotidianamente con le procedure in vigore sul

territorio, avendo cura di non utilizzare la stessa pattumella degli altri condomini, isolandoli

opportunamente al fine di consentire agli operatori ecologici l’apprestamento di ogni dovuta

cautela nel manovrare e gestire il rifiuto di che trattasi.

Agli utenti differenti dai precedenti, ovvero non positivi e non in quarantena obbligatoria, in vigenza

della modalità di raccolta porta a porta o multimateriale stradale, di:

• Continuare con la raccolta dei rifiuti in modo differenziato osservando il calendario e le

modalità di conferimento così come indicate nel sito di Ecotecnica Brindisi, o sul sito istituzionale

comunale nella sezione Ambiente

(https://www.comune.brindisi.it/brindisi/zf/index.php/servizi-aggiuntivi/index/index/idtesto/74 )

• Se raffreddati, conferire i fazzoletti di carta nella raccolta indifferenziata;

• Conferire i DPl usati (guanti, mascherine, ecc.) nella raccolta indifferenziata;

• Utilizzare almeno due sacchetti, uno dentro l’altro o in numero maggiore in dipendenza

della loro resistenza meccanica, per la raccolta dei rifiuti indifferenziati, riponendoli nel contenitore

usato abitualmente, chiudendo bene i sacchetti e smaltendoli regolarmente secondo quanto previsto

dal calendario;

Alla ditta Ecotecnica, incaricata per il servizio di igiene urbana, di:

– effettuare la raccolta completa del rifiuto indifferenziato, oltre a quanto previsto dal

calendario ordinario (martedì e sabato), anche nella giornata di giovedì, con disponibilità per i

restanti giorni al ritiro dei soli sacchetti isolati di cui alle disposizioni precedente.

Sono da ritenersi superati dalla presente sia la precedente Ordinanza n. 16 del 25 marzo 2020, sia altri

ordini servizio gestionali disposti medio tempore in ordine al medesimo oggetto;

DISPONE

L’inosservanza delle norme stabilite nella presente ordinanza è punita con la sanzione amministrativa

pecuniaria da € 25,00 (venticinque/00) a € 500,00 (cinquecento/00), ai sensi dell’art. 7/bis comma 1

-bis del D.Lgs. n. 267/2000, oltre eventuali altre sanzioni come a nonna di legge.

I trasgressori del suddetto obbligo sono ammessi al pagamento in misura ridotta, consistente

nell’importo di € 50 (cinquanta/00), da effettuarsi entro 60 gg. dalla contestazione immediata della

violazione o dalla notificazione della violazione, ai sensi dell’art. 16 della Legge n°689/81.

DISPONE inoltre

che una copia della presente sia pubblicata sul sito del Comune di Brindisi – alla sezione

“Albo Pretorio”;

– che sia data massima diffusione della presente avviando, sin da subito, un percorso di

comunicazione e sensibilizzazione, a cura dell’Amministrazione Comunale e di Ecotecnica, delle

associazioni di categoria e dei vari soggetti coinvolti;

– che sia mandata copia al Sig. Prefetto, al Sig. Questore, al Comando della Polizia

Municipale, al Comando Provinciale dei Carabinieri e al Comando Provinciale della Guardia di Finanza

per opportuna conoscenza;

– che sia notificata alla ditta Ecotecnica srl per quanto di propria competenza;

COMUNICA

inoltre, che avverso la presente Ordinanza Sindacale è ammesso il ricorso al T.A.R. Puglia entro 60

giorni, ovvero, in via alternativa ricorso straordinario al presidente della Repubblica, entro il termine di

120 (centoventi) giorni, decorrenti dalla scadenza del termine di pubblicazione all’Albo pretorio o della

piena conoscenza del provvedimento medesimo.

Il Dirigente

ing. Francesco CORVACE

IL SINDACO

Ing. Riccardo ROSSI

Firmato digitalmente da:CORVACE FRANCESCO

Ruolo:DIRIGENTE

Organizzazione:COMUNE DI BRINDISI/VATIT-80000250748/00268880747

Unita’:RISANAMENTO AMB. ED IG. URBANA

Data:03/04/2020 11:47:05

Firmato􀀄digitalmente􀀄da:ROSSI􀀄RICCARDO

Ruolo:SINDACO

Organizzazione:COMUNE/VATIT-80000250748/00268880747

Data:03/04/2020􀀄12:05:50



Lascia un commento

AVVISO!!

La formazione periodica, di almeno 15 ore annue di durata, prevista dal D.M. 140/14 sarà conseguita con lettura, approfondimento e conferma di ricevimento,  di tutte le Newsletter / Note Confidenziali settimanali ricevute, nell’area Associati

Contattaci su WhatsApp whatsapp